Comunicazione

Comunicazione

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

eurojam 800x480.jpg

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per partecipare all’European Jamboree 2020.

L’evento si terrà sull’Isola di Sobieszewo a Danzica, sulla costa del Mar Baltico nel nord della Polonia, dal 27 luglio 2020 al 6 agosto 2020.

Gli E/G, gli R/S e i capi che vogliono partecipare possono visitare il sito https://www.eurojam.it/ (sezione AGESCI) per trovare tutte le informazioni necessarie e le modalità di iscrizione.

Le iscrizioni saranno aperte fino a metà marzo 2019.

Nei mesi a seguire verranno costruiti i Reparti e il Clan, che partiranno nel luglio del 2020.

In allegato vademecum ed eruojam in pillole.

Mercoledì, 09 Gennaio 2019 15:43

Comunicato sul decreto sicurezza

L’AGESCI Lazio, che conta oggi più di 15000 soci, impegnata nella formazione e nell’educazione delle nuove generazioni, ha negli anni collaborato, stretto sinergie e firmato protocolli di intesa con importanti realtà del mondo del sociale impegnate sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione. Una collaborazione che ha arricchito la nostra missione educativa e sempre volta al primario obiettivo di costruire un mondo migliore.logoagesci100

Non possiamo quindi non leggere oggi come il “decreto sicurezza” presenti dei pericolosi elementi di contrazione dei diritti, rischiando di non garantire a tutti pienamente il principio evidenziato, ma anzi creando delle potenziali situazioni di ingovernabilità dei fenomeni e dei flussi in essere. La sicurezza si costruisce quotidianamente anche con un lavoro di tipo culturale, facendo della solidarietà e dell’accoglienza gli strumenti per garantire tale diritto.

Condividiamo le parole del Cardinale Bagnasco, Presidente della Conferenza episcopale europea, il quale mette al centro la necessità che “le persone che hanno un bisogno vero, serio e onesto possano trovare un aiuto perché fuggono da situazioni disperate”, così come l’appello di Mons. Forte, Presidente della conferenza episcopale abruzzese–molisana il quale ribadisce che “c’è un primato della coscienza che esige la solidarietà verso i più deboli e se si dimentica questo, ogni barbarie diventa possibile”.

Non spetta a noi, in quanto associazione educativa, valutare la costituzionalità di una legge dello Stato, ma sentiamo necessario, alla luce anche di quanto contenuto nel nostro Patto Associativo, il bisogno di ribadire in maniera forte l’importanza di essere tutti costruttori di una società in cui la solidarietà e l’accoglienza siano centrali perché, come riportato da Mons. Zuppi Arcivescovo di Bologna, “dobbiamo sottrarci alla regola dello scontro e dell’aggressività perché l’Italia ha una grande riserva di umanità”.

Come Agesci Lazio ci sentiamo quindi impegnati affinché la parola accoglienza non sia una parola vuota, ma si concretizzi sempre di più come “la sfida più forte con cui la nostra società è chiamata a confrontarsi” per essere responsabilmente parte di una società più equa e giusta.

il Comitato Regionale Agesci Lazio

 

Sabato, 15 Dicembre 2018 02:00

Il percorso della Branca E/G

 

“L’Avventura di essere Esploratori e Guide oggi per sognarsi persone significative domani”

Sarà questo il tema sul quale intendiamo interrogarci al prossimo convegno metodologico di branca E/G, per farlo ci proponiamo di rispondere a tre interrogativi fondamentali:

iamadream logo eg

  • Cos’è l’Avventura? Perché l’uomo ricerca l’Avventura?
  • Io Capo educatore so vivere e proporre un’Avventura?
  • Perché scegliamo l’Avventura come linguaggio educativo per educare i ragazzi ad essere buoni cristiani e buoni cittadini?

Per rispondere a queste domande il convegno sarà costruito offrendo ai capi momenti di approfondimento, di riflessione metodologica e confronto fra le diverse esperienze. All’interno della proposta del convegno, inoltre, non mancherà occasione di vivere esperienze avventurose che siano funzionali al dare una risposta alle domande motrici.

Centrale sarà la riscoperta della valenza educativa del linguaggio simbolico che adottiamo e dei luoghi in cui proponiamo avventure ed esperienze ai ragazzi, entrambi funzionali allo sviluppo della “competenza della persona” e del sentimento del bello, che consentono ai ragazzi di riportare nella propria vita la capacità di valutare il buono, guardare al mondo con ottimismo, con capacità critica, con attenzione al prossimo e al bene comune.

 

Durante il convegno saranno proposti i seguenti laboratori metodologici

Avventura su misura:l’avventura è sfidare incognite, ma per assaporarne i frutti educativi deve essere proposta intenzionalmente. Come progettare un’avventura a partire dai bisogni dei ragazzi?

Avventura in incognito: l’esperienza scout è un percorso di vita degli E/G ed è esemplare rispetto ad essa. Come far sfruttare l’avventura scout nella loro vita, e come riconoscere l’avventura della scoperta della loro vocazione?

AvventuriAMOci: la condivisone di sogni, prendersi impegni, realizzarli e verificarli per/con la loro comunità è per gli E/G palestra di costruzione di relazioni significative. Come sfruttare l’avventura per educare le ragazze i ragazzi ad amare?

Avventura senza barriere: accogliere ragazzi nelle nostre unità ci mette in contatto spesso con diverse disabilità. Come progettare un’avventura che favorisca lo sviluppo della loro autonomia sfruttando i loro talenti, i loro pregi, le loro possibilità, al di là della disabilità?

Smart Adventure: il rapporto fra nuove tecnologie e ragazzi di oggi. L’avventura di educare nativi-digitali ad essere nativi-competenti.

Gesù, che avventura!: la proposta dell’avventura in branca E/G passa anche per la scoperta di Gesù come fedele compagno di viaggio. Come cogliere ogni esperienza per favorire l’incontro con Gesù?

Avventura ad alta quota: i nostri E/G desiderano ancora sognare o non sono più capaci di farlo? L’avventura di sognare “con i piedi per terra e lo sguardo verso il cielo” puntando sempre in alto.

Osservo, deduco…mi avventuro!: vivere una avventura richiede godersi e assaporare ogni momento che la compone. Come educare i ragazzi all’arte dello scouting?

Avventura docet: vivere una avventura richiede spesso grandi competenze tecniche. Come sfruttare queste esperienze avventurose per “saper essere”.

 

Sabato, 15 Dicembre 2018 01:42

Il percorso della Branca R/S

SOGNARSI ADULTI FELICIiamadream logo rs

Il nostro adulto felice sono l'uomo e la donna della partenza. Su questo accompagniamo i Capi in una riflessione che muove in 3 step. 

 

(1) Giro nelle zone (in corso) 

Riflessione animata dalla pattuglia regionale. 

"Chi ha educato me capo all amore, al custodire l'ambiente e a riconoscermi figlio di Dio?" 

Il primo presupposto per educare i nostri ragazzi è possedere ciò a cui si educa. Se educhiamo all'amore alla cittadinanza e alla fede è importante saper ritrovare dentro di noi le tracce di coloro che ci hanno condotto ad essere adulti felici e riconoscere cosa di noi è stato "convertito" da quelle esperienze

 

(2) Momento di zona animato dagli IABZ (tra gennaio e marzo) 

Prendiamo il nostro regolamento e confrontiamoci sugli "educare" che la nostra associazione propone come strada verso la partenza. 

Tra tutti: Educare alla fede, all'amore e alla cittadinanza ci sembrano quelli che racchiudono gli altri. 

Quali sono gli orizzonti educativi verso cui condurre il ragazzo? 

 

(3) IL CONVEGNO (casale Mezzetti, Capranica) 

Due giorni in cui vedremo come gli ambienti educativi della branca, strada, comunità e servizio, cooperano al nostro educare. Come, vivendoli pienamente e proponendo li come stile di vita, posso educare alla fede, all'amore e alla cittadinanza? 

E allora alla fine di questo percorso torniamo a guardare a uomo e donna Della partenza e ci auguriamo che uomo e donna Della partenza appunto abbiamo acquisito una connotazione globale e rimandino a quegli adulti felici che sono stati educati e che hanno scelto di riconoscersi figli di Dio, gente che ama e cittadini custodi del mondo.

Ci accompagna come traccia di catechesi nei tre momenti il libro di Giuditta, una donna che sconfigge il male assoluto con la Bellezza.

Sabato, 15 Dicembre 2018 01:36

Il percorso della Branca L/C

Riflessione di Partenza:

iamadream logo lcGli ambienti fantastici (Giungla e Bosco) offrono ai bambini un luogo in cui vivere e rileggere le esperienze, sia per singole che per comunitarie. Le emozioni provate sono alla base dell'esperienze vissute dai bambini e sono ciò che le rende significative. I sogni degli adulti sono carichi di emozioni "bambine", legate alla propria infanzia, alla realizzazione di un se fantasticato e carico di emozioni. Nell'educare alla realizzazione dell'emozione sognante, da cui derivano i propri progetti del singolo e della comunità, si pone l'attenzione dei capi branco/cerchio. la capacità di lettura delle proprie emozioni è ciò che rende un adulto consapevole di sé, in grado di compiere scelte significative per la propria vita e lo guida verso la realizzazione dei propri sogni.

 

Punti del Convegno:

Tradizione e Innovazione: partire dalla psicologia del bambino per poi fornire una chiave di lettura “tradizionale” dell’ambiente fantastico, puntando ad elementi che si sono persi (Danze, Canti, ecc) fornendo dei nuovi orizzonti nei quali rinnovarci (Digressioni Giungla, rilettura dell’esperienza tramite la giungla, sfumature e contaminazione tra Giungla e Bosco)

I Bambini sognano e il sogno dei Capi: I bambini del Branco e del Cerchio sono dei vulcani di istinti e di emozioni, alla ricerca di esperienze significative nelle quali sperimentare loro stessi e bisognosi degli altri per rileggere quello che provano. Le emozioni che i bambini vivono cercano una collocazione dentro loro stessi, per far sì che esse crescano e diventino valori, volontà, caratteristiche personali e realizzazione dei propri sogni. Il sogno proprio, rappresenta l’emozione più forte che i bambini vivono, sia come meta per la propria felicità, che come frustrazione legata alla sua complessa realizzazione.

La capacità di saper riconoscere, far proprie e condividere le emozioni provate prende il nome di competenza emotiva.

L’ambiente Fantastico offre ai bambini sia la possibilità di vivere con il Branco e con il Cerchio delle esperienze significative, che di poter rileggere le emozioni che si sono provate, tramite le sue caratteristiche: i racconti, lo scouting, Il gesto interrotto, l’autoeducazione, la vita comunitaria ecc ecc.

Allo stesso tempo, I capi Branco/Cerchio hanno un sogno per i bambini: che loro, nella scoperta di loro stessi e del Signore, scegliendo di rispondere “eccomi” alla loro vocazione, possano compiere delle scelte che li portino a diventare adulti felici, uomini e donne della partenza.

Sabato, 15 Dicembre 2018 01:04

Convegno Metodologico 2019: I AM A DREAM!

 

Scopri il convegno...

   

Branca L/C

Scopri il percorso della Branca L/C

Clicca qui!
Branca E/G

Scopri il percorso della Branca E/G

Clicca qui!
Branca R/S

Scopri il percorso della Branca R/S

Clicca qui!
     

iamadream logo

L’idea di un convegno metodologico interbranca sugli ambienti educativi nasce in area metodo dal confronto tra le branche in linea con le strategie nazionali di intervento. In particolare una strategia si sposa bene con questa esigenza metodologica letta dalle branche e rivolta ai capi e ai ragazzi della regione: Educare al sogno!

  • cosa vuol dire oggi educare al sogno nelle diverse fasce di età ed in modo unitario?
  • qual è il sogno che gli educatori scout hanno in testa quando fanno vivere l’esperienza scout nei diversi ambienti metodologici di branca?

La SNI Educare al sogno non è un semplice educare a sognare o fantasticare ma educare al sogno di diventare e poi essere "persone significativi e felici" (Patto Associativo). Il sogno visto dal nostro punto di vista di educatori scout è quello dell’orizzonte educativo dell’uomo e della donna della partenza, che ogni bambino/a possa crescere arrivando a fare sue le scelte per essere un adulto felice. Volendo utilizzare uno slogan che sintetizzi il cammino da bambino/a all’uomo/donna della partenza: SOGNARSI ADULTO E FELICE. In branca LC il bambino impara a SOGNAR-SI, in EG sognarsi PERSONA, in RS sognarsi ADULTO e FELICE. Il convegno educativo  “I AM A DREAM”vuole far riflettere sugli ambienti educativi scout e riscoprire come questi siano realmente lo spazio del protagonismo del bambino/ragazzo in cui imparare a sognarsi, auto-educarsi, per poi fare le proprie scelte.

Seppur pensati logisticamente come tre eventi distinti, i tre convegni saranno un unico evento e un’occasione unica per una lettura metodologica trasversale e unitaria.

Non si è voluto dare ai capi soltanto degli strumenti ma un percorso che si vivrà dapprima in zona in cui rimettere al centro i contenuti della nostra proposta educativa per una riflessione pedagogica e una maggiore consapevolezza nell’uso intenzionale degli ambienti e degli strumenti della metodologia di branca.

Durante il percorso che porterà al convegno e ovviamente anche al convegno stesso si vivranno delle esperienze personali per passare da ciò che io sono, da ciò che ho vissuto, dagli ambienti che mi hanno reso l’adulto di oggi (ognuno può dare solo ciò che ha, può educare solo con ciò che è) a come far vivere al meglio gli ambienti educativi di branca per far sì che i ragazzi si auto-educhino all’amore, alla fede, alla cittadinanza.

Lunedì, 16 Aprile 2018 21:42

Il cammino delle comunità capi del Lazio

Il 18 marzo la regione Lazio ha celebrato la chiusura del cammino delle sue comunità capi.

 

“Siamo contenti di aver chiuso questa prima tappa del cammino sul Discernimento con un incontro regionale molto partecipato, celebrando la Messa insieme a S.E. Mons. De Donatis.

È la testimonianza che il nostro è un percorso in cui viviamo da protagonisti e testimoni il nostro laicato cattolico, con la Chiesa e nella Chiesa.

Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato, organizzato, sostenuto e vissuto questo importante cammino.”

 

Francesca Orlandi, Francesco Scoppola e fra' Stefano Lovato

I Responsabili regionali e l'Assistente ecclesiastico

16-18 marzo, 1300 capi dell’AGESCI Lazio in cammino verso la Basilica di San Giovanni in Laterano

Roma, 17 marzo - Dal 16 al 18 marzo tutte le Comunità capi italiane dell’AGESCI –Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani - saranno chiamate a mettersi in cammino nei loro territori, per continuare il confronto iniziato in questo ultimo anno rispetto al tema del discernimento.

Per la nostra regione, sono 1300 gli adulti scout impegnati in questo percorso, il cui obiettivo è quello di riflettere sul tema dell’educare e sul mantenere uno stile, quello del discernimento, come stile di una comunità scout cristiana. L’“Amoris Laetitia” di Papa Francesco ha rappresentato la chiave interpretativa di questo cammino. La strada diventa ancora una volta per gli scout occasione per condividere progetti personale, per confrontarsi, per pregare, per fare scelte, per giocare insieme.

Francesca Orlandi, Francesco Scoppola e Fra Stefano Lovato, Responsabili regionali e Assistente ecclesiastico dell’AGESCI Lazio, insieme a tutto il Comitato regionale, hanno dato appuntamento domenica 18 in piazza San Giovanni per celebrare nella Basilica di San Giovanni in Laterano la Santa Messa, presieduta da S.E. Mons. Angelo de Donatis (Vicario del S. Padre per la Diocesi di Roma e Presidente della Conferenza Episcopale Laziale).

“Siamo contenti di poter chiudere questa prima tappa del cammino sul Discernimento con un incontro regionale molto partecipato, celebrando la Messa insieme a S.E. Mons. De Donatis. È la testimonianza che il nostro è un percorso in cui viviamo da protagonisti e testimoni il nostro laicato cattolico, con la Chiesa e nella Chiesa.”

L’evento è seguito tramite gli account social nazionali e locali (@agescilazio e @webagescilazio) con l’hashtag #comunitaincammino, dove le Comunità capi saranno invitate a condividere le fotografie e le emozioni del loro cammino. 

L’AGESCI è nata nel 1974 dalla fusione delle Associazioni scout cattoliche ASCI (maschile) e AGI (femminile). A oggi nel Lazio conta oltre 15.000 soci, di cui più di 2.500 sono educatori, ed è organizzata in oltre 170 gruppi locali.

 

Per maggiori informazioni

Settore Comunicazione AGESCI Lazio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì, 29 Gennaio 2018 22:53

Route dello Spirito 2018

ROUTE DELLO SPIRITO 2018

La data unica di quest'anno per la Route dello Spirito è dall'1 al 4 marzo 2018.

 

Se volete saperne di più alleghiamo l'articolo pubblicato sull'ultimo numero di Azimut.

Le iscrizioni chiuderanno a breve!!!
Per iscriversi clicca qui (https://buonacaccia.net/event.aspx?e=7240)

Se ancora non ti basta puoi guardare questo video (https://www.youtube.com/watch?v=4M24M5zhmpo)

Un'occasione così non si può perdere!!!

Mercoledì, 24 Gennaio 2018 22:24

innamoraRSI 2018: ve li presentiamo

epppi 2018

Dopo il successo dello scorso anno (un video per raccontarvi gli EPPPI del 2017) tornano gli Eventi di Progressione Personale a Partecipazione Individuale (EPPPI) per i Rover e le Scolte nei Passi di Competenza!

È bello essere utili ma lo possiamo fare ancora meglio se siamo competenti!!!

Ecco tutte le proposte di quest’anno!

Scegliete! 28 – 30 aprile 2018

 

Programmate all’interno del vostro Punto della Strada! Iscrivetevi!

Su Buonacaccia è possibile trovare tutti gli eventi con maggiori informazioni e i nomi dei Capi Campo per eventuali richieste.

https://buonacaccia.net/Events.aspx?CID=33

 

Bellissimi già dai titoli ma magari per scegliere o per consigliarne uno piuttosto che un altro vogliamo sapere meglio in cosa consistono questi eventi nello specifico!

E allora proviamo ad addentrarci:

 

non lascera vacillare il tuo piedeNon lascerà vacillare il tuo piede - Treja (VT) 

La Route attraverserà un ambiente dal fascino unico, percorrendo le Forre del fiume Treja da Civita Castellana fino a Calcata, piccolo e suggestivo centro della Valle del Treja, 60 chilometri a Nord di Roma. E da Calcata fino a Castel Sant’Elia e Nepi, un borgo e una cittadina ricchi di fascino e di storia.

Sarà una Route alla scoperta dei misteri di una terra abitata da popolazioni antiche, da eremiti e da cavalieri; di una terra dove la vegetazione domina impenetrabile e signora; dove l’acqua, il vento, il sole riescono ancora ad evocare immagini e pensieri.

Sarà una Route tecnica, che ti richiederà di affrontare la fatica del cammino su sentieri che spesso dovrai inventare. E che farà appello alla tua competenza – zaino essenziale, scouting, pionieristica, topografia – e al tuo amore per la natura, rigogliosa e selvaggia, ‘aspra e forte’.

Sarà una Route da camminare ascoltando i suoni e le voci in cui sarai immerso, per poterti perdere nella bellezza della natura e ritrovarti; per poter scendere nel profondo del tuo cuore, per sentirlo ardere; e per accorgerti che negli altri con cui camminerai c’è uno sconosciuto che sa tutto di te e che non lascerà mai vacillare il tuo piede.

Clicca qui per iscriverti

 

la frontiera e quiLa frontiera è qui - Castelnuovo di Porto (RM)

Vivremo un'esperienza di strada, con stile scout, a nord di Roma, tra Castelnuovo di Porto e il Parco di Tevere-Farfa. Migrazioni epocali stanno caratterizzando il nostro tempo: via terra e via mare milioni di donne, uomini e bambini cercano opportunità di vita in luoghi lontani, fuggendo da guerre, carestie, disastri climatici, povertà.
E noi? Siamo in grado di accoglierli? Come? Questa route è una buona opportunità per conoscere, incontrare, confrontarsi, per capire che per servire il prossimo servono competenze.

Clicca qui per iscriverti

 

 

 

 

strada e tecniche 2.0 copyStrada e tecniche innovative 2.0 - Roviano (RM)

Impareremo come sfruttare la tecnologia per fare strada e per pregare, impareremo a raccogliere informazioni sul territorio, a fare strada in sicurezza facendo attenzione a trattare bene il nostro corpo.

Impareremo come mettere tutto ciò al servizio del prossimo, del nostro territorio e di chi ci circonda.

Percorso = Roviano → Riofreddo → Monte Aguzzo → Vallinfreda → Arsoli

Clicca qui per iscriverti

 

 

 

territorio e politica copyTerritorio e Politica: Democrazia è misericordia – Roma

"Se do il pane ai poveri mi chiamano santo. Se chiedo perché i poveri non hanno pane mi chiamano comunista".

Helder Camara


Gireremo la città di Roma incontrando chi si impegna, chi ha detto sì, chi prova a fare la differenza: questi testimoni, li interrogheremo. In che modo il loro contributo cambia la realtà? L'impegno dei singoli è sufficiente? La politica ha un senso o è una cosa complicata, noiosa e alla fine inutile? Scopriamolo insieme: avremo la Bibbia come strumento per affrontare la realtà, proveremo a vedere se la democrazia sia un tesoro da conservare, useremo i nostri piedi per provare ad esserci.

Clicca qui per iscriverti

 

labellezzadellincontroLa bellezza dell'incontro - Bassiano Valvisciolo (LT)

Sperimentare la differenza tra l’attraversare i luoghi e il viverli, tra l’imbattersi nelle persone e incontrarle, tra il guardare ciò che ci troviamo davanti e il comprenderlo; questi gli obiettivi del campo.

Da Bassiano arriveremo a Latina, passando per Sermoneta e l’Abbazia di Valvisciolo, lungo una strada ricca di suggestioni, racconti, profumi, sapori, bellezze naturali e storia. Un viaggio che ci condurrà, da camminatori, a scoprirci viandanti.

Clicca qui per iscriverti

 

 

sconfiggere il timore per la pienezza della gioia 3 Guarda il cielo e conta le stelle - via Francigena verso Roma 

Una route di passi e pensieri.

Un ambiente di cammino: la via Francigena che portava i pellegrini a Roma.

Una serie di testimonianze e di esperienze sotto il manto della Bella Signora di Lourdes.

La sequenza di emozioni percorrerà il tratto di Francigena tra Velletri e le porte di Roma, lungo la via Appia Antica, dove si fondono memorie e speranze.

Lo spirito del servizio e la disabilità che si sperimentano nelle vite di chi ha spinto i propri passi fino alla Grotta di Lourdes con indosso un fazzoletto bianco e tutto il proprio bagaglio di paure e di domande.

La route vorrà essere tempo di confronto e cammino, tempo di domande e di silenzi. Sperimenteremo l’essenzialità del viandante e del malato, la bella fatica del camminare leggeri – zaino, equipaggiamento, orientamento -, il piacere misterioso dell’accoglienza semplice e del disarmante potere del sorriso che illuminava la Bella Signora, Bernadette e tutti i malati a cui facciamo servizio a Lourdes e in ogni circostanza.

Ascolto e Silenzio. Preghiera e Dubbio. Domande e…altre domande.

Vuoi venire con noi a scoprire ciò che sta alla base del servizio?

Clicca qui per iscriverti

si mise a camminare sulle acque Si mise a camminare sulle acque – Bracciano (RM)

 Il nostro EPPPI si svolgerà sul Lago di Bracciano e vivremo l avventura di navigare con il dragonboat.

Impareremo che solo coordinandoci e avendo unità di intenzioni potremo concretamente far navigare in una direzione questa grande canoa. L’obiettivo è quello di riscoprire l’essere comunità in cammino con Gesù utilizzando gli strumenti propri della branca per arrivare a vivere l’Eucarestia in modo gioioso e consapevole.

 

Clicca qui per iscriverti

Pagina 1 di 2

Questo sito utilizza cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo ne autorizzi l'uso.